June 10, 2020

Scrollarsi di dosso paura e miopia

Scritto da: Daniela Giron

Non dimenticherò mai la prima volta che mi hanno fatto il l’equilibrio. Ho avuto un attacco di risate, mi sentivo molto felice e non riuscivo a smettere di ridere...

article preview

Ho conosciuto Manos Sin Fronteras quando avevo 12 o 13 anni, i miei genitori mi facevano i trattamenti. Non dimenticherò mai la prima volta che mi hanno fatto il l’equilibrio. Ho avuto un attacco di risate, mi sentivo molto felice e non riuscivo a smettere di ridere.

Non vedevo l'ora di prendere i corsi, ero molto emozionata, non capivo bene cosa fosse, ma mi dava una grande illusione e volevo curare i miei occhi. Fin da bambina ho sempre avuto un forte astigmatismo, i miei insegnanti a un certo punto hanno pensato che avrei avuto bisogno di un'attenzione particolare perché mi sedevo davanti e prestavo attenzione, ma i miei appunti non lo riflettevano.

Dopo aver ricevuto i livelli 1 e 2, ho iniziato a farmi i trattamenti per i 5 sensi ogni giorno. Anno dopo anno, alle visite dall'oculista, diventavo meno astigmatica, e il medico non ci credeva, passavo da un 5 a un 1,25.

oculista che regola attrezzatura di misurazione

Ho iniziato l'università e ho smesso di farmi il trattamento per la vista e ho iniziato a lavorare sul mio cervello e sulla memoria, per affrontare le mie emozioni a volte travolgenti, la sensazione di non riuscire o di non riuscire a finire. E a poco a poco la paura del futuro aumentò e con questa paura cominciò a svilupparsi una miopia, soprattutto nell'occhio destro.

C'è un corso tenuto dalla presidente di Manos Sin Fronteras chiamato Il Corpo Parla (“Cuerpo Habla”), che ci insegna a interpretare i segnali del nostro corpo. Quando conserviamo le emozioni forti, le assorbiamo, il corpo trova il modo di liberarle. In questo stesso modo possiamo cominciare ad ascoltare il nostro corpo e lavorare su quelle emozioni.

Gli occhi sono la finestra della nostra anima e la condizione dei miei occhi tradisce le paure che ho del futuro a causa di situazioni vissute nel passato. Negli ultimi anni sono riuscita a lavorare con il mio lato emotivo, a vedere che molti comportamenti di mia madre, li ho anch'io ed essere in grado di lavorarli, e il mio occhio sinistro vede molto meglio del destro. L'occhio destro, come alcuni di noi hanno imparato, è il lato razionale e dopo aver osservato il mio comportamento mi rendo conto che non sono oggettiva nel mio modo di vedere la vita.

immagine distorta di una ragazza che le copre gli occhi

Ho letto un po' di quello che è la mia miopia a livello del corpo parla e non è solo la mancanza di obiettività, e la paura del futuro, ma anche preoccuparsi troppo di me stesso e non degli altri.

Per tutti gli altri miopi che leggono, ecco alcuni dei modi in cui possiamo aiutarci.

Accettare che il passato non è un'indicazione del futuro, che abbiamo avuto un brutto periodo nel passato non significa che la stessa cosa accadrà di nuovo, lasciate quelle paure che ci trattengono!

Aprirsi alle idee degli altri. C'è una frase di Shunryu Suzuki che adoro: "Nella mente di un principiante ci sono molte possibilità, nella mente di un esperto ce ne sono poche".

E quando ci sentiamo un po' persi e ci sentiamo un po' dispiaciuti per noi stessi: Trovare un modo per aiutare qualcun altro, per recuperare un po' di quella generosità di spirito.

Vedere la vita in modo più positivo, smettere di aspettarsi il peggio. È simile al primo, ma vale la pena dirlo più volte.

Ritrovare l'illusione per il futuro e recuperare la gioia di vivere! Ogni giorno scegliamo ciò che facciamo nella nostra giornata, l'atteggiamento con cui riceviamo il nuovo giorno e ogni giorno è un'opportunità per ricominciare da capo.

Non c'è niente che abbiamo o che dovremmo fare, queste parole ci vengono dal nostro ego.

E l'ultimo e più grande è con il nostro obiettivo, che sia questo o quello: meditare ogni giorno!

Connetterci con noi stessi, dare ossigeno al nostro cervello, il cibo di cui ha bisogno e per dare al cuore lo spazio per esprimersi.

Un grazie infinito alla Jardinera che ci insegna a vivere più leggeri, ad amare il lavoro, che ci insegna a condividere e a darci una mano l'un l'altro, e che ci ha dato il regalo più grande della nostra vita che è La Enseñanza e la Meditazione.

Dani in Rose des Pyrenees

Unisciti alla nostra rete di autori e condividi le tue conoscenze sulla nostra piattaforma Contribuisci
Lascia un commento