May 22, 2019

La Mia Esperienza con un Cancro al Seno

Scritto da: Aída de Girón

In quante siamo passate attraverso questa terribile malattia con il pensiero del “perché io?”...

article preview

"Cancro al seno", una frase molto temuta tra noi donne. In quante siamo passate attraverso questa terribile malattia con il pensiero del “perché io?” Ci consideriamo vittime senza sapere che le responsabili siamo noi stesse e il modo in cui gestiamo le emozioni. Dopo 6 anni di trattamento, grazie all’Enseñanza, ai corsi de Il Corpo Parla e grazie alla Jardinera riesco a capire il perché è toccato a me.

Quante riflessioni ho dovuto fare, ritornare all'infanzia, rivedere il vissuto per trovare i sentimenti nascosti che hanno portato a questa malattia. Risentimento, rabbia, mancanza di perdono, tutti questi sentimenti che erano dentro di me, povera bambina, il padre l’ha abbandonata, nel mio subconscio, era lì. Il primo errore che possiamo fare è non combattere e arrendersi. Bisogna mantenere la fede sempre e guardare avanti.

Nel corso degli anni che sono seguiti alle mie operazioni, mi sono preoccupata di interessarmi di casi specifici di donne con cancro al seno e ho visto che sono stati per la maggioranza conseguenza di donne che hanno subito la perdita di una persona cara come un figlio-figlia, marito e che non hanno accettato la perdita. Oppure sono state mogli con problemi con mariti maschilisti o matrimoni infelici. Tutto si adatta ai modelli, il cancro al seno può essere prevenuto.

Ecco qui la mia storia dell'inizio di un evento che mi ha cambiato la vita e che mi ha permesso di riconoscermi e di essere capace di trasformare:

nastro rosa del cancro al seno

Nell'anno 2001, una notte ho sentito un dolore forte e pungente al seno destro che mi ha tolto dalla mia routine. Il giorno dopo avevo una fessura, come vedere un salvadanaio. Non ci pensai più, andai dal dottore che immediatamente mi diede l'ordine di fare la famosa mammografia, l'esame più scomodo e doloroso che io abbia fatto. Mio marito mi ha accompagnato e stavamo aspettando il risultato lo stesso giorno. Il radiologo è uscito, ha ripetuto l'esame e nel frattempo ero già un po’ inquieta.

Alla fine mi diedero il risultato, il mio medico mi stava aspettando con la notizia: cancro al seno, un tumore di circa 2 cm, bisogna intervenire il più presto possibile, una mastectomia radicale. Ciò significava, rimuovere il tumore con tutto il tessuto del seno.

Non pensai a nulla, dovevo subire un intervento che era una speranza di vita. Quella stessa settimana mi operarono. In quei giorni prima dell'intervento, il mio pensiero era andato ad alcuni seminari di Stimolazione Neurale a cui avevo partecipato con mio marito. Ho pensato e così l'ho espresso, se avessi fatto quei trattamenti forse questo non sarebbe successo a me, ma i “sarebbe” non esistono e lì c’ero io rimpiangere la mia situazione.

 ragazza su un'altalena su una scogliera di montagna

Mi sono affidata al Hno. Pedro de Bethancourt, alla Vergine Santissima, con tutto il cuore ho chiesto la guarigione, un'opportunità di vivere. All’esito dell’operazione, il tumore misurava 1 cm, non due; uno dei tipi più aggressivi di cancro, mi dissero, ma era come incapsulato, il tessuto mammario e i linfonodi non erano stati colpiti. Quindi il trattamento post-operatorio è stato un blocco completo di ormoni, senza radiazioni o chemioterapia, avevo 45 anni. Ho quindi iniziato a praticare la Tecnica imparata (Stimolazione Neurale) per aiutare il mio recupero, è diventata la mia quotidianità. Eseguire gli esercizi per la mobilizzazione del mio braccio destro, che correva il rischio di rimanere immobile se non l'avessi fatto e il trattamento per 6 anni con alcune pillole.

Con mio marito abbiamo iniziato a partecipare all’Associazione Manos Sin Fronteras, abbiamo seguito di nuovo i corsi e abbiamo sentito il bisogno di aiutare, c'era un volontariato e abbiamo iniziato. Abbiamo fatto dei trattamenti, abbiamo invitato le persone ai corsi, siamo diventati Formatori, anche le nostre figlie hanno seguito i corsi, ho continuato ad applicare la tecnica e ad osservare risultati spettacolari, tanto che ho avuto un attacco di calcoli renali, che applicandomi un solo trattamento quando avevo un dolore enorme, come se mi avessero nuovamente messo il coltello, con 5 min. 5 minuti! mio marito mi ha fatto il trattamento sul centro del dolore, il dolore dopo mezz'ora o meno è passato completamente e la mattina dopo ho eliminato tre sassolini.

Grazie Jardinera che hai messo nelle nostre mani questa conoscenza, che mi ha aiutato sia fisicamente che emotivamente, mi ha permesso di vedermi e accettarmi come sono un essere umano con molti difetti, anche con qualità, che mi ha permesso di poter aiutare altre persone in modi che escono dal materiale.

mano adulta si stringono la mano con una piccola bambina

Ho imparato molto e nel crepuscolo della mia vita, posso solo ringraziare l'Universo per l'opportunità che mi ha dato, di mostrarmi la mia missione e mettermi sulla strada giusta per farlo, nel non rimanere vittima o considerarmi una "sopravvissuta", poverina, ha avuto il cancro. No! Non mi sono mai considerata una sopravvissuta, mi considero una persona a cui è stata data l'opportunità di chiudere i cicli, di imparare a vivere la vita in un modo diverso. Di essere libera, lasciando liberi gli esseri che amo di più nella vita, mio marito e le mie figlie. Comprendere che non sono "miei" che ognuno ha la sua anima, libera e in cerca della propria felicità.

Che quel cancro me lo sono causato da sola e che se non avessi iniziato un lavoro di riflessione con me stessa, sarebbe tornato. Oggi posso dire che la lotta è stata difficile ma ho guadagnato terreno, nessuno ha detto che sarebbe stato facile, la strada è ancora lunga.

Unisciti alla nostra rete di autori e condividi le tue conoscenze sulla nostra piattaforma Contribuisci
Lascia un commento