May 26, 2021

Liberare la mente dai pregiudizi

Scritto da: Miriam Mendolesi

Dobbiamo avere una mente libera, senza pregiudizi e seguire la nostra intuizione, i pregiudizi possono distruggere una persona. Non c'è modo di sapere che anima abbiamo incontrato, della sua grandezza; possiamo indovinare, ma non lo sapremo.

article preview

Dobbiamo avere una mente libera, senza pregiudizi e seguire la nostra intuizione, i pregiudizi possono distruggere una persona. Non c'è modo di sapere che anima abbiamo incontrato, della sua grandezza; possiamo indovinare, ma non lo sapremo.

La società ci presenta e impone modelli, vuole che siamo tutti identici, coltiva la nostra paura dell'ignoto, ci invita a rifiutare ciò che è "fuori dal quadro".

Ma sono le differenze che arricchiscono la vita e la creatività, e il pensiero non omologato che ci fa scoprire e andare avanti nella nostra vita, sono anche ciò che spinge la nostra società e la fa andare avanti.

Impariamo sempre e costantemente. Quando troviamo qualcuno non possiamo sapere cosa ha vissuto, i suoi problemi e i suoi sforzi. Ci sono minerali metamorfici che a temperature e pressioni molto elevate cambiano la loro struttura cristallina, trasformandosi in un minerale completamente diverso. Se una pietra lo fa, perché non possiamo noi che siamo qui ad imparare giorno dopo giorno?

Giudicare senza stringere la mano, offendere una persona "gratuitamente" serve solo a ferirla. Nessuno di noi può giudicare gli altri - chi è libero dal peccato scaglia la prima pietra-

manos

La critica deve essere costruttiva se vogliamo aiutare.

Chi è rigido e di solito vive la sua vita superando le prove, senza l'intenzione di aiutare, è una persona infelice, che invece di lavorare per dare una svolta alla sua vita e aiutare gli altri, perde il suo tempo.

Ho vissuto nella mia pelle il fatto di sentirmi diverso, nella mia famiglia mi guardavano come una persona molto strana e non potevo partecipare sempre alle attività familiari pubbliche. Perché? Nella mia infanzia e adolescenza mi è sempre stato detto che ero "strana", mio ​​padre mi chiamava "quella orientale" perché nessuno capiva il mio interesse per le pietre, la meditazione e l'energia. La mia famiglia diceva che non credevano a niente, che con la morte tutto finisce e non c'è nient'altro; e infatti non capiva il mio modo di vedere. E io che sono "la figlia di mia madre" non poteva che essere strano e mi sbagliavo sempre, come lei.

Nella mia famiglia di origine sono molto rigidi e anche "classisti" - non sei proprio intellettuale, non hai cultura, dove sei nato, qual è la tua famiglia di origine-. Ho sofferto molto per tutto questo, ma allo stesso tempo sono diventato molto rigido e ho sempre pensato che dovevo dimostrare qualcosa agli altri.

Finché non ho iniziato a capire che possiamo avere opinioni diverse, che non è importante quello che pensano gli altri, è importante seguire ciò che ritengo giusto e continuare il mio percorso e ognuno di noi ha un percorso diverso.

Penso che a volte una persona con gelosia e invidia, e che dimentica la sua Anima dando potere solo alla materia, sminuisca continuamente gli altri solo per cercare di convincersi che non hanno valore. Se comprendiamo che il corpo è solo il veicolo e che siamo tutti qui imparando e seguendo il nostro percorso, viviamo più felici, possiamo aiutare gli altri e fare un passo avanti verso l'adempimento della nostra Missione.

mision

Unisciti alla nostra rete di autori e condividi le tue conoscenze sulla nostra piattaforma Contribuisci
Lascia un commento