July 20, 2021

Il momento presente

Scritto da: Shakti - Guatemala

OGGI, è una parola così breve e racchiude così tanto. Di solito chiamiamo così quelle 24 ore che stiamo vivendo, ma in realtà significa molto di più. È quel preciso momento che stiamo vivendo, ma metaforicamente addormentati.

article preview

OGGI, è una parola così breve e racchiude così tanto. Di solito chiamiamo così quelle 24 ore che stiamo vivendo, ma in realtà significa molto di più. È quel preciso momento che stiamo vivendo, ma metaforicamente addormentati. Molta letteratura descrive l'oggi come l'unica cosa che esiste, perché ieri è passato, domani non è arrivato e anzi siamo sempre tra ieri e domani, difficilmente oggi.

Quella piccola parola che richiede la nostra piena coscienza per sentire, annusare, gustare, toccare e memorizzare ciò che stiamo vivendo, svegli, attenti a ciò che accade intorno a noi e semplicemente vedere la vita così com'è, con i suoi meravigliosi colori, assaporandola e soprattutto ”sentendo".

Il modo per essere presenti in ogni momento in "oggi" è essere consapevoli di ciò che fai e di come quel momento ti fa sentire, di ciò che si muove dentro di te, che alla fine è ciò che sei e dice molto di ciò che ti porti dentro.

La maggior parte delle volte, ci impegniamo in conversazioni senza prestarvi veramente attenzione, facciamo semplicemente finta di essere lì, le nostre menti volano a ciò che non abbiamo fatto o dovuto fare. Se siamo seduti a mangiare, assaporiamo? Ci piace quel delizioso aroma del cibo o notiamo i colori del cibo stesso? Divoriamo come qualsiasi altro animale che non ha la capacità di ragionare. Viviamo robotizzati.

moment

In questo tempo, oggi significa tante cose, meno vita comune. I famosi social network che sono riusciti a integrare molte persone in conversazioni simultanee, rotture di relazioni e momenti indimenticabili che esistono solo oggi. Perdiamo tanti dettagli, le reazioni dell'altro, perdiamo i momenti emotivi che si nascondono dietro una scatola di metallo di ultima generazione, perché sicuramente non puoi negare che un hahahaha sul tuo Smartphone può sostituire il suono della risata piena del tuo migliore amico. Non è e non sarà mai lo stesso.

Essere consapevoli in ogni momento richiede uno sforzo maggiore della respirazione. È necessario essere vigili in tutto ciò che facciamo, tocchiamo, vediamo, ci muoviamo e, soprattutto, sappiamo che stiamo assimilando ciò che abbiamo vissuto in quel preciso momento; integrando nel nostro essere ogni nostra reazione e quindi anche le emozioni che stanno dietro l'atto in sé.

L'agire automaticamente ci allontana dal momento presente. Non ci permette di vedere la grandezza del momento, ci trasforma in esseri zombie, che vivono il momento per istinto, senza essere consapevoli di ciò che sentiamo e, soprattutto, del modo in cui reagiamo, cosa c'è alla radice? Se potessimo essere osservatori della nostra stessa vita, ci consentirebbe di conoscere più facilmente noi stessi. Quando vivi nel qui e ora, inclusa la morte è irrilevante.

breathe

Unisciti alla nostra rete di autori e condividi le tue conoscenze sulla nostra piattaforma Contribuisci
Lascia un commento